Contributo fino al 65% a fondo perduto fino a 130.000€

Obiettivi

L’Avviso pubblico ISI 2020 ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, incentivando l’adozione di soluzioni innovative, modelli organizzativi, nuovi macchinari ed attrezzature che consentano l’abbattimento in misura significativa dei livelli di rischio individuato.

Destinatari

Destinatarie del finanziamento sono le imprese, anche individuali, ubicate in ciascun territorio regionale e iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura, ad esclusione delle micro e piccole imprese dell’agricoltura primaria. Per i progetti finalizzati alla riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (Asse 2) posso partecipare anche gli Enti del terzo settore in possesso dei requisiti.

L’agevolazione

Il finanziamento in conto capitale, è calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’IVA come di seguito riportato.

Per gli Assi 1, 2, 3 e 4 nella misura del 65% e con i seguenti limiti:
Assi 1, 2, 3, fino al massimo erogabile di 130.000,00 Euro ed un finanziamento minimo ammissibile pari a 5.000,00 Euro. Per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale non è fissato il limite minimo di finanziamento.
Asse 4, fino al massimo erogabile di 50.000,00 Euro ed un finanziamento minimo ammissibile pari a 2.000,00 Euro.

Investimenti ammissibili

  • Asse 1 per i progetti di investimento e per i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale
  • Asse 2 per progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC)
  • Asse 3 per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
  • Asse 4 per i progetti per micro e piccole imprese operanti operanti nei settori Pesca e della Fabbricazione di mobili

Sono spese ammissibili che prevedano:

  • Sostituzione macchinari obsoleti con macchinari di ultima generazione
  • Adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale
  • Limitazione delle fasi lavorative con movimentazione manuale dei carichi
  • Bonifica materiali contenenti amianto
  • Riduzione ulteriori rischi:
    • chimico
    • biologico
    • rumore
    • vibrazioni meccaniche (mano-braccio e corpo intero)
    • caduta dall’alto
    • sismico

Tempistiche

Le date di apertura e chiusura della procedura informatica, in tutte le sue fasi, saranno pubblicate entro il 26 febbraio 2021.